Velodromo Olimpico - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Velodromo Olimpico

VELODROMO OLIMPICO
Olympic velodrome

Il Velodromo Olimpico all'EUR è stato progettato dagli Architetti Cesare Ligini, Dagoberto Ortensi e Silvano Ricci, l'opera nacque nella zona del viale dell'Oceano Pacifico, su una superficie complessiva di mq. 65.000. I lavori furono diretti dall'Ing. Francesco Guidi. La pista progettata dagli Architetti Clemens ed Herbert Schurmann è caratterizzata dal piano di scorrimento con pendenze crescenti dal suo asse minore all'asse maggiore in curva e soprattutto da particolari accorgimenti applicati nell'entrata e nell'uscita di curva allo scopo di evitare variazioni di sforzi in questi punti sia agli stayers sia agli sprinters. La collaborazione dell'Istituto Sperimentale del Legno di Firenze, diretto dal Prof. Guglielmo Giordano, permise di individuare, attraverso una serie di prove di laboratorio, il legname idoneo e la scelta cadde sul legno Doussiè del Camerùn, materiale a fibra compatta e resistente agli agenti atmosferici ed agli attacchi dei funghi.

I Progettisti dell'impianto, gli architetti Cesare Ligini, Dagoberto Ortensi e Silvano Ricci.
The plant designers, architects Cesare Ligini, Dagoberto Ortensi and Silvano Ricci.

The Olympic Velodrome at the E.U.R. was planned by architects Cesare Ligini, Dagoberto Ortensi and Silvano Ricci, the building took shape in the zone of the Viale dell'Oceano Pacifico, on a total area of 65,000 sq. metres. The work was directed by engineer Francesco Guidi. The track, planned by architects Clemens and Herbert Schurmann, is characterised by the track level with gradients increasing from its minor to its major axis on the curve and more particularly by special devices applied at the entrance and the exit of the curves for the purpose of avoiding variations of effort in these points by both stayers and sprinters.The collaboration of the Wood Experimental Institute at Florence, directed by Prof. Guglielmo Giordano, was instrumental in arriving at a choice of the wood to be used for the track, the choice falling on Doussiè from the Cameroons, a compact fibre wood resistant to the elements and to the attacks of fungus.

Fotografia del progetto del nuovo Velodromo Olimpico di Roma
Project photo of the new Rome Olympic Velodrome
Veduta dall'alto del nuovo Velodromo Olimpico
View from the top of the new Olympic Velodrome
sopra e a destra: Il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi in visita ai lavori del nuovo impanto olimpico.
above and to the right: The President of the Italian Republic Giovanni Gronchi visited the construction works of the new Velodrome

Il 30 aprile 1960, alla presenza di numerose autorità sportive e politiche, fu ufficialmente inaugurato l'impianto che la stampa dell'epoca definì "Il velodromo più perfetto e più bello del mondo".
The April 30, 1960, in the presence of numerous sports and political authorities, the Velodrome was officially inaugurated. The press of that time wrote that it was "The velodrome most perfect and most beautiful in the world"

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu