Stadio Apollonio - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Stadio Apollonio

Rilevanti lavori sono stati eseguiti per l'ammodernamento dello Stadio intitolato alla memoria dei fratelli Armando e Romano Apollonio (fortissimi atleti ampezzani di Hockey e Pattinaggio veloce scomparsi prematuramente quando erano già al vertice ma non ancora al culmine della loro carriera sportiva) che ha costituito il principale impianto sussidiario per gli allenamenti e la disputa del torneo olimpico di hockey. Le dimensioni della superficie ghiacciabile erano antecedentemente di metri 47 X 85; tali dimensioni sono state portate a metri 85 X 62½, così da consentire la costruzione di due campi naturali, ciascuno dei quali di metri 60 X 30, come da regolamento internazionale.

Important works were carried out for the modernization of the Stadium named after the memory of the brothers Armando and Romano Apollonio (very strong Ampezzo field hockey and speed skating athletes who died prematurely when they were already at the top but not yet at the peak of their sporting careers) which constituted the main subsidiary facility for training and the dispute of the Olympic field hockey tournament. The dimensions of the ice surface were previously 47 X 85 meters; these dimensions have been increased to 85 X 62½ meters, so as to allow the construction of two natural fields, each of which is 60 X 30 meters, as per international regulations.
Una giovane pattinatrice durante una gara negli anni '50 allo Stadio Apollonio

Per ottenere questo ampliamento è stato necessario sbancare circa 1.500 metri cubi di terreno vario e spostare leggermente la sede stradale. Si è dovuta effettuare una nuova recinzione. Si è dovuto inoltre procedere ai lavori di ampliamento delle tribune (la cui capienza è stata raddoppiata, da 1.000 a 2.000 spettatori), alla costruzione di quattro spogliatoi, di una cabina per cronometristi e giudici di gara e dell'intero impianto di illuminazione. Per la esecuzione di tali lavori, il CONI concesse all'Azienda autonoma di cura e soggiorno, proprietaria dell'impianto, un contributo di dieci milioni di lire.

In order to achieve this expansion, it was necessary to excavate about 1,500 cubic meters of miscellaneous soil and slightly shift the roadway. A new fence had to be erected. It was also necessary to enlarge the stands (whose capacity was doubled from 1,000 to 2,000 spectators), to build four changing rooms, a booth for timekeepers and judges and the entire lighting system. To carry out this work, the CONI granted the "Azienda Autonoma di Cura e Soggiorno", owner of the facility, a contribution of ten million lire.
Partita di Hockey allo Stadio Apollonio negli anni '50 - Game of Hockey to the Stadium Apollonio in the years '50
Torna ai contenuti