Da (from) Siracusa a (to) Napoli - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Da (from) Siracusa a (to) Napoli

Da Siracusa a Napoli - From Syracuse to Naples
Nicola D'Andrea mentre riceve il fuoco sacro a Furci (ME).

Da Siracusa il tracciato della staffetta fu ricalcato su quello già percorso dagli antichi Greci all'epoca in cui fondarono le colonie, che nel loro insieme raggiunsero tanto splendore da meritare la denominazione di Magna Grecia.

From Syracuse, the route of the relay race was traced back to the route already taken by the ancient Greeks at the time when they founded their colonies, which as a whole achieved such splendour that they earned the name Magna Graecia.
Nelle fotografie sotto, alcuni tedofori durante il loro percorso in Sicilia, prima della partenza verso la Calabria.
In the photographs below, some torchbearers on their way in Sicily, before departure to Calabria.
Tiano Santo (Messina)
Giovanni Rizzo (Messina)
Antonino Bombaci (Messina)
Tiano Santo, ultimo tedoforo a Messina
Dopo Siracusa, Catania e Messina, l'itinerario prevedeva l'attraversamento dello stretto di Messina, la partenza da Reggio Calabria per Crotone, Taranto, Potenza, Paestum, e Napoli per raggiungere Castelgandolfo nel pomeriggio del 24 agosto.
After Siracusa, Catania and Messina, the itinerary foresaw the crossing of the Straits of Messina, departure from Reggio Calabria to Crotone, Taranto, Potenza, Paestum, and Napoli to reach Castelgandolfo in the afternoon of 24 August.
Domenico Liquori (Sella di Conza - SA)

I tedofori furono reclutati tra gli appartenenti alle società sportive e ai gruppi scolastici delle quindici Province interessate al passaggio della Staffetta. La selezione fu rigorosamente attuata attraverso riunioni su pista e su strada, con particolare riguardo ed attenzione alla scelta degli atleti impegnati in frazioni in città. Tutte le frazioni furono percorse nei tempi indicati. La progressione del Fuoco fu assicurata dal passaggio della Fiamma da una fiaccola all'altra in un clima di entusiasmo popolare generato dalla fantastica corsa.

The torchbearers were recruited from sports clubs and school groups in the fifteen provinces involved in the relay race. The selection was rigorously carried out through meetings on the track and on the road, with particular care and attention paid to the choice of athletes engaged in fractions in the city. All the fractions were run in the specified times. The progression of the Fire was ensured by the passage of the Flame from one torch to another in an atmosphere of popular enthusiasm generated by the fantastic race.
La maglietta indossata dai tedofori
The shirt worn by torchbearers
Torna ai contenuti