Combinata - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Combinata

COMBINATA NORDICA - NORDIC COMBINED

Nella combinata nordica ai VII Giochi olimpici invernali fu disputata una sola gara, il 29 e il 31 gennaio, che assegnò solo le medaglie olimpiche (a differenza di salto e fondo, i cui titoli furono validi anche come Campionati mondiali di sci nordico). Presero il via 36 atleti di 12 diverse nazionalità. La prima prova disputata, il 29 gennaio, fu quella di salto. A partire dalle 14.30 sul Trampolino Italia, rinnovato per l'occasione, s'impose il sovietico Jurij Moškin davanti al norvegese Sverre Stenersen e allo svedese Bengt Eriksson; decimo si classificò il polacco Franciszek Gąsienica Groń. Due giorni dopo si corse la 15 km di sci di fondo. A partire dalle 9.00, su un percorso che copriva un dislivello di 185 metri con partenza e arrivo nello "Stadio della neve" (la struttura che ospitava il Trampolino Italia), gli atleti gareggiarono su neve ghiacciata, polverosa sulla pista, e con temperature comprese tra -8° e -4°. Moškin chiuse soltanto trentunesimo e nella classifica finale discese fino al tredicesimo posto; Stenersen, per contro, vinse la prova di fondo (davanti al finlandese Paavo Korhonen e al norvegese Arne Barhaugen) e conquistò l'oro; Eriksson, 15° nel fondo, scalò al secondo posto, mentre al terzo risalì Gąsienica Groń, autore del settimo tempo.

In the Nordic combined at the VII Olympic Winter Games only one competition was held, on January 29 and 31, which awarded only the Olympic medals (unlike jumping and cross-country, whose titles were also valid as Nordic World Ski Championships). Thirty-six athletes of 12 different nationalities took part. The first event, on January 29, was the jumping event. Starting at 2.30 p.m. on the Italian Ski Jump, renovated for the occasion, the Soviet Jurij Moškin won ahead of the Norwegian Sverre Stenersen and the Swede Bengt Eriksson; tenth place went to the Polish Franciszek Gąsienica Groń. Two days later, the 15 km cross-country race was held. Starting at 9.00 a.m., on a course that covered a difference in altitude of 185 meters with start and finish in the "Snow Stadium" (the structure that housed the Italian Ski Jump), the athletes competed on icy snow, dusty on the track, and with temperatures between -8° and -4°. Moškin finished only 31st and in the final ranking he dropped down to 13th place; Stenersen, on the other hand, won the cross-country competition (ahead of the Finnish Paavo Korhonen and the Norwegian Arne Barhaugen) and won the gold; Eriksson, 15th in the cross-country, climbed up to the second place, while Gąsienica Groń, author of the seventh time, climbed up to the third place.
Torna ai contenuti