viaggio della fiaccola__ - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

viaggio della fiaccola__

""""La fase organizzativa iniziale relativa all'itinerario della Fiaccola del Gioco Olimpico del 1960, può considerarsi definitivamente conclusa. Infatti, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha preso accordi, su base comunque generale, per i tedofori che porteranno la Fiamma Olimpica dalla Grecia a Roma. La Fiamma, che sarà accesa ad Olimpia, scenderà fino alla foce del fiume Alfeo, e subito dopo il Golfo dell'Arcadia sarà imbarcata e raggiungerà il suolo italiano all'Isola di Ortigia. Esattamente nei pressi della Fontana di Aretusa la Fiaccola accenderà il primo tripode sul suolo italiano. Il giorno seguente, dopo una sosta notturna, il tedoforo partirà per un lungo viaggio di 1.283 Km. che verrà effettuato in 108 ore consecutive interrotto solo da una seconda sosta notturna a Taranto. Dall'Isola di Ortigia il tedoforo percorrerà l'altopiano di Epipoli, dove ogni muro è testimone del periodo d'oro della civiltà siracusana. Fara' scalo a Lentini, attraversera' la piana di Catania, raggiungera' Messina, e attraverso lo Stretto raggiungera' Reggio Calabria. La fiaccola accesa lascerà poi il caratteristico paesaggio siciliano, e illuminerà le antiche città ioniche di Locri, Caulonia, Crotone, Siri, Eraclea, Metaponto, Taranto. Il successivo itinerario partirà dalla Città dei Due Mari e procederà lungo la Via Appia attraverso la Lucania; comprenderà Matera, Tricarico, Potenza, Muro Lucano, Pescopagano, S. Angelo dei Lombardi; poi sempre lungo la Via Appia, la torcia procederà per Avellino, Napoli, Caserta, Minturno, Terracina, Velletri, Castelgandolfo, la Via Appia Antica, la Via Sacra all'interno del Foro Romano, il Campidoglio e lo Stadio Olimpico. La Fiaccola Olimpica, simbolo di pace tra gli uomini e significato spirituale fondamentale delle Olimpiadi moderne, rimarrà accesa per tutta la durata dei Giochi che, come detto, si svolgeranno da giovedì 25 agosto a domenica 11 settembre compresi.""""

"""The initial organizational phase relating to the itinerary of the 1960 Olympic Game Torch, can he considered as definitely concluded. In fact, Italian National Olympic Committee has made arrangements, on a general basis however, for the torch bearers who will carry the Olympic Flame from Greece to Rome. The Flame, which will be lit at Olympia, will travel down to the mouth of the Alfeo River, and immediately after the Gulf of Arcadia will be taken on board and will reach Italian soil at the Isle of Ortigia. Exactly near the Fountain of Arethusa the Torch will light the first tripod on Italian soil. On the following day, after an overnight stop, the torch bearer will set out on a long trip of 1,283 Km., which will be effected in 108 consecutive hours interrupted only by a second overnight stop in Taranto. From the Isle of Ortigia the torch bearer will travel along the tableland of Epipoli, where every wall is a witness of the golden period of Syracusan civilization. He will ‘call at Lentini, will cross the plane of Catania, reach Messina, and across the Strait will reach Reggio Calabria. The lighted torch will then leave the characteristic Sicilian landscape, and will illuminate the ancient Ionic cities of Locri, Caulonia, Crotone, Siri, Eraclea, Metaponto, Taranto. The successive itinerary will start from the City of the Two Seas and will proceed along the Via Appia through Lucania; it will include Matera, Tricarico, Potenza, Muro Lucano, Pescopagano, S. Angelo dei Lombardi; then still along the Via Appia, the torch will proceed for Avellino, Naples, Caserta, Minturno, Terracina, Velletri, Castelgandolfo, the Via Appia Antica, the Via Sacra inside the Roman Forum, the Campidoglio and the Olympic Stadium. The Olympic Torch, which is a symbol of peace among men, and the basic spiritual significance of modern Olympiads, will remain lit throughout the Games which, as stated, will take place from Thursday, August 25 to Sunday, September 11, inclusive."""

Io e Giancarlo Peris, in occasione del 50° anniversario dei Giochi Olimpici di Roma
Me and Giancarlo Peris during the celebrations of the 50th anniversary of the 1960 Rome Olympic Games
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu