Candidatura - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Candidatura

TORINO 2006 > 50 ANNI DOPO....TORINO

I XX Giochi olimpici invernali furono assegnati a Torino il 19 giugno 1999 durante il 109º congresso del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) svoltosi a Seul. In quella sede vennero presentate sei candidature: Helsinki (Finlandia), Klagenfurt (Austria), Poprad-Tatry (Slovacchia), Sion (Svizzera), Torino (Italia) e Zakopane (Polonia). Di fronte ai membri del CIO, il 18 giugno 1999 il sindaco Valentino Castellani illustrò il progetto della Torino olimpica: una presentazione efficace, precisa, senza eccessi, impreziosita da un breve discorso in video del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, che confermava il pieno sostegno del paese alla candidatura, e corroborata dall'intervento dal palco di Stefania Belmondo. Il voto dell'Assemblea, il 19 giugno, è netto: 53 voti per Torino, 36 per Sion. Un successo inatteso, in Italia e all'estero.


The host city of the XX Olympic Winter Games in 2006 was selected   during the 109th IOC Session in Seoul. The   election of Turin was a historic event for the IOC who created a Selection College to narrow the list of six Candidate Cities to two finalists. Sion and   Torino then went before the full IOC membership for the final vote: Torino 53 votes, Sion 36 vote. The bids submitted to the IOC were: Sion, Switzerland; Torino, Italy; Zakopane, Poland; Poprad-Tatry, Slovakia; Helsinki, Finland and Lillehammer, Norway; (joint bid) Klagenfurt, Austria, in a three-country bid with regions of Slovenia and Italy.    
      
Alberto Tomba presenta il logo della candidatura di Torino 2006
Il logo della Candidatura di Torino 2006
Evelina Christillin e Alberto Tomba
Valentino Castellani (Presidente TOROC), Alberto Tomba, Evelina Christillin (Vice Presidente TOROC) e Paolo Rota (Direttore Generale del TOROC)
Evelina Christillin, Valentino Castellani e Paolo Rota
Valentino Castellani
Evelina Christillin
Sergio Chiamparino, Evelina Christillin, Antonino Benincasa e Nicole Husmann (creatori del logo) e Valentino Castellani
Un successo inatteso, in Italia e  all'estero. L'evento proietta immediatamente Torino sulle prime pagine  dei giornali del mondo e coglie di sorpresa il mondo dell'informazione  italiano. La vittoria di Torino fu una  vittoria dello sport italiano, maturata al termine di un lungo lavoro  dei membri italiani del CIO - Carraro, Nebiolo, Pescante e Cinquanta - e  di una vera e propria campagna elettorale condotta dal Comitato  promotore con entusiasmo ed efficienza.
An unexpected success, in Italy and abroad. The event immediately put Turin on the front pages of the world's newspapers and took the Italian news world by surprise. The victory in Turin was a victory for Italian sport, which matured at the end of a long work of the Italian members of the IOC - Carraro, Nebiolo, Pescante and Cinquanta - and of a real campaign conducted by the promoting committee with enthusiasm and efficiency.
Torna ai contenuti