Da (from) Olympia ad (to) Atene - Le Olimpiadi d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Da (from) Olympia ad (to) Atene

Il 12 agosto del 1960, nel Tempio di Zeus, a Olimpia, l’attrice greca Aleka Katseli, vestita da antica sacerdotessa, rivolse, circondata da vestali, la sua preghiera alla divinità affinché i «raggi di Febo» accendessero la «sacra torcia». La sacerdotessa quindi frappose una lente fra la torcia e il sole, attizzando il fuoco in un vaso classico greco, portato poi in processione fino al Tempio di Hera, dove la sacerdotessa consegnò una seconda fiaccola al primo tedoforo, l’atleta greco Penaghiotis Epitropolous. Alla cerimonia prese parte la delegazione ufficiale italiana composta dal Presidente della commissione per la Fiaccola Olimpica, Aldo Mairano, dal Segretario Alfredo Langellotti e dal Generale Tommaso Calise, comandante del raggruppamento olimpico militare. Dopo che gli specchi ustori hanno acceso la fiamma, la staffetta olimpica ha subito iniziato la corsa lungo il seguente percorso: Olimpia, Pirgos, Patrasso, Corinto, Megara, Eleusi ed Atene. L'arrivo ad Atene è avvenuto alle ore 21,00 del giorno 13 agosto allo stadio Panatenaico dove la fiaccola è stata accolta dalle autorita' politiche greche e dai dirigenti sportivi. Il fuoco olimpico riprendeva il cammino alla volta del porto di Zea presso il Pireo dove S.A.R. il Principe Constantino di Grecia consegnava la fiaccola al vice presidente del CONI, ragionier Pietro Oneglio. La fiaccola veniva poi consegnata ad un cadetto della Marina italiana che la portava fino alla nave scuola Amerigo Vespucci.

For the journey of the “holy fire of Olympia”, the organizers of the Olympic Games decided to cross the Ionian Sea rather than use the land route through the Balkans to reach Sicily and from there, Rome. In the afternoon of 12 August, an actress dressed like an antique priestess lit the Olympic fire in the archeological site of ancient Olympia. Once put in a classical Greek vase, the fire was born in procession to the antique temple of Hera. The priestess then lit a torch she handed to the first torch bearer, Greek decathlon athlete Penaghiotis Epitropoulos. The first part of the relay entirely took place on Greek soil. After leaving Olympia and passing through Patras and Corinthia, it reached Athens the next day at 20.30 for the ceremony of passing the Torch to the Organizing Committee of Rome 1960.   In the port of Pireus, the Olympic Flame was handed to the cadets of the Italian Navy training ship "Amerigo Vespucci" and after lighting the tripod mast at the center of the ship, they sailed towards Sicily where on 18 August, the Olympic Flame was unloaded in Siracusa near the Aretusa source.

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu